Skip to main content
News

Appello dell’industria eolica per il divieto di discarica per le pale dismesse

By 17 Giugno 2021Giugno 21st, 2021No Comments
Wind-Turbine-Blades

Il 16 giugno WindEurope ha emesso un comunicato stampa per richiedere entro il 2025 un divieto di discarica in tutta Europa per le pale delle turbine eoliche in disuso. L’industria eolica europea si impegna attivamente a riutilizzare, riciclare o recuperare il 100% delle pale dismesse. Allo stesso tempo l’industria si impegna a non inviare le pale dismesse dall’Europa ad altri paesi al di fuori dell’Europa per la discarica.Questo avviene dopo che diverse aziende leader del settore hanno annunciato piani ambiziosi per il riciclaggio e il recupero delle pale. Un divieto di discarica accelererebbe ulteriormente lo sviluppo di tecnologie di riciclaggio sostenibili per i materiali compositi.

Oggi la durata di vita standard di un parco eolico onshore è di circa 20-25 anni. L’85-90% della massa totale di una turbina eolica può già essere riciclata. La maggior parte dei componenti – tra cui l’acciaio, il cemento, il filo di rame, l’elettronica e gli ingranaggi – hanno circuiti di riciclaggio consolidati. Tuttavia, le pale delle turbine eoliche sono più difficili da riciclare. Contengono materiali compositi complessi – una combinazione di fibre rinforzate (di solito fibre di vetro o di carbonio) e una matrice polimerica. Questi compositi aumentano le prestazioni delle turbine eoliche. Permettono pale più leggere e più lunghe con un’aerodinamica ottimizzata. Ma la loro configurazione pone anche delle sfide per il riciclaggio. Questi compositi non sono usati solo nelle pale delle turbine eoliche. Sono materiali importanti in settori come l’aviazione, l’automobile, il trasporto marittimo, l’aeronautica, il tempo libero e le attrezzature sportive, l’edilizia e la costruzione.
Ci sono alcune tecnologie disponibili per riciclare i materiali compositi nelle pale, e un numero crescente di aziende offre servizi di riciclaggio dei compositi, ma queste soluzioni non sono ancora abbastanza mature, ampiamente disponibili su scala industriale e/o competitive in termini di costi. Rendere queste tecnologie commercialmente praticabili richiederà l’impegno dei politici, di altri utenti di compositi e dell’industria del riciclaggio.

Nei mercati europei più maturi per l’energia eolica, le prime turbine stanno raggiungendo la fine della loro vita operativa. Il numero di pale che sono state smantellate finora rimane basso. Ma aumenterà nei prossimi anni. WindEurope prevede che circa 25.000 tonnellate di pale raggiungeranno la fine della loro vita operativa ogni anno entro il 2025. La Germania e la Spagna vedranno il maggior numero di pale dismesse, seguite dalla Danimarca. Verso la fine del decennio anche l’Italia, la Francia e il Portogallo cominceranno a smantellare significativamente le pale e il volume annuale smantellato potrebbe raddoppiare a 52.000 tonnellate entro il 2030.

I governi possono giocare un ruolo decisivo nel guidare la circolarità delle pale eoliche. Dovrebbero aumentare i finanziamenti per la ricerca e lo sviluppo (R+D) nella commercializzazione e nell’aumento di scala delle diverse tecnologie di riciclaggio delle pale. Queste includono la macinazione meccanica, la pirolisi, la pirolisi a microonde, la frammentazione a impulsi ad alto voltaggio, la solvolisi e il letto fluido. L’UE dovrebbe anche fornire finanziamenti R+S per promuovere lo sviluppo e l’uso di nuovi materiali per le pale circolari. Come passo successivo, l’industria eolica svilupperà una tabella di marcia, dettagliando ulteriormente i passi necessari per accelerare la circolarità delle pale eoliche. Nel fare ciò, collaboreremo strettamente con l’industria chimica, come fornitore di soluzioni innovative di riciclaggio chimico, così come con altre industrie che utilizzano materiali compositi, come l’industria nautica.